DISGLICEMIA

Glicemia a digiuno superiore o uguale a 100 mg/dl

I soggetti disglicemici possono essere definiti anche PRE-DIABETICI e molte sono le condizioni che manifestano una disglicemia:

  • IFG – Alterata glicemia a digiuno

  • IGT – Ridotta tolleranza al glucosio

  • Diabete

  • Obesità

  • Sovrappeso

  • Sindrome Metabolica

  • Sindrome dell’ovaio policistico

  • Iperglicemia gestazionale - diabete gestazionale

  • Iperglicemia postprandiale

Fondamentale in tutte le condizioni caratterizzate da DISGLICEMIA la modifica dello Stile di Vita con l’attuazione di sana dieta e attività fisica.

Anche se non vi è dubbio alcuno che il cambiamento dello stile di vita è il miglior approccio per la prevenzione del Diabete e delle sue complicanze, purtroppo non solo l’implementazione di tali misure ma anche il loro mantenimento nel tempo si è dimostrato molto difficile e fallimentare nella maggioranza dei casi.


GLICEMIA POSTPRANDIALE

L’ELEVATA GLICEMIA POSTPRANDIALE è la prima evidenza che i meccanismi di controllo della glicemia cominciano ad alterarsi (e quindi il primo passo verso il diabete e le sue complicanze), inoltre è stato dimostrato che è un fattore di rischio cardiovascolare indipendente e modificabile e un potente induttore di danno endoteliale.

Il ricorso a pasti con basso Indice Glicemico contribuisce limitare l’escursione dei picchi glicemici postprandiali.


Schermata 2019-03-26 alle 13.22.30 copia.png